Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
SCIENZE DELL'EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE
Insegnamento
STORIA CONTEMPORANEA
SFO2042685, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2018/19

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
SCIENZE DELL'EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE (Ord. 2011)
SF1334, ordinamento 2011/12, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Curriculum EDUCAZIONE SOCIALE E ANIMAZIONE CULTURALE [002RO]
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese CONTEMPORARY HISTORY
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata (FISPPA)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede ROVIGO
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile ALESSIO PETRIZZO

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline storiche, geografiche, economiche e giuridiche M-STO/04 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 63 162.0

Calendario
Inizio attività didattiche 02/03/2020
Fine attività didattiche 12/06/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2019

Syllabus
Prerequisiti: La frequenza del corso non richiede prerequisiti particolari, tranne l’interesse per la materia...
Conoscenze e abilita' da acquisire: Alla fine del corso gli studenti avranno acquisito la capacità di: orientarsi nelle grandi trasformazioni e nelle principali vicende relative alla storia degli ultimi due secoli e mezzo; leggerne continuità e discontinuità; collocare vicende politiche, economiche, sociali o culturali locali e nazionali in più ampi quadri di connessione, transnazionali e globali, senza perdere l’attenzione alla specificità dei differenti contesti; maturare una lettura critica dei rapporti tra passato e presente.
Una specifica attenzione sarà riservata all’acquisizione delle capacità di analisi e di riflessione sulla storicità delle categorie e delle pratiche attraverso cui determinate forme di alterità (di genere, etnia, cittadinanza etc.) sono state definite, stigmatizzate e marginalizzate in diverse fasi della storia italiana. Gli studenti impareranno a decostruire i linguaggi pubblici (della politica, del diritto, della scienza, della letteratura, dei mass media etc.) connessi a questi fenomeni.
Modalita' di esame: In via di definizione
Criteri di valutazione: Oltre alla verifica delle conoscenze acquisite, saranno valutate la comprensione dei temi e dei concetti trattati nonché la capacità di sviluppare e argomentare su queste basi interrogativi e giudizi autonomi.
Contenuti: Parte I Introduzione alla storia contemporanea
La prima parte del corso sarà dedicata alla presentazione dei principali nodi della storia contemporanea, dall’età delle rivoluzioni sette-ottocentesche ai nostri giorni. Tra i capitoli affrontati:
- Rivoluzioni globali di fine Settecento all’origine della contemporaneità
- L’Europa napoleonica
- Restaurazioni, nazionalismi, liberalismi e nuove rivoluzioni
- Il Risorgimento, l’unificazione e la storia del Regno d’Italia
- Imperi fine Ottocento
- La prima guerra mondiale
- Democrazie, autoritarismi, totalitarismi tra le due guerre
- La seconda guerra mondiale
- Decolonizzazione e guerra fredda
- L’Europa nei nuovi equilibri globali
- Storia dell’Italia repubblicana

Parte II Sguardi sui margini, sguardi dai margini
La seconda parte del corso sarà articolata in tre percorsi di approfondimento, che ripercorrono altrettante forme otto-novecentesche di costruzione culturale dell’alterità e di emarginazione, con particolare focus sulla storia italiana.
Per ciascun percorso si presterà attenzione agli intrecci tra scelte politiche, definizioni giuridiche, saperi scientifici e stereotipi diffusi nelle culture popolari, nella letteratura, sulla stampa e nelle arti visive riguardanti individui e gruppi ritenuti “fuori norma”. Individui e gruppi fatti perciò oggetto di sentimenti ambivalenti, di sospetti, di pratiche sociali discriminatorie e spesso di speciali interventi di natura amministrativa, di cui si ricostruiranno contesti, logiche e protagonisti. I tre casi di studio saranno quindi l’occasione per ripensare e discutere criticamente, a partire da esempi concreti, alcuni dei principali nodi storiografici emersi nella Parte I del corso. Questi i temi, che saranno affrontanti con un ampio ricorso a diverse tipologie di fonti:
II.1 Figli del nemico, figli della violenza, figli meticci (Risorgimento, guerre coloniali, guerre mondiali e loro conseguenze sociali)
II.2 Finire in manicomio (Età liberale, grande guerra, fascismo)
II.3 Sessualità eccentriche tra Otto e Novecento
Accanto all’analisi dei processi di costruzione e di gestione di queste forme di alterità, ci si interesserà alle esperienze vissute dei soggetti coinvolti, nonché alle strategie d’azione, individuali e collettive, da essi adottate e al loro potere di critica, messa in discussione e trasformazione delle norme che li escludono.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il confronto con fonti di natura diversa (e in particolare quelle legate a storie di vita singolari) costituirà il metodo privilegiato tanto per l’acquisizione delle necessarie conoscenze sul passato che per lo sviluppo della capacità di interpretazione e di discussione degli studenti.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: In via di definizione
Testi di riferimento: