Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
LINGUE, LETTERATURE E MEDIAZIONE CULTURALE
Insegnamento
GEOGRAFIA CULTURALE
LE02122420, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2018/19

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
LINGUE, LETTERATURE E MEDIAZIONE CULTURALE (Ord. 2018)
SU2294, ordinamento 2018/19, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese CULTURAL GEOGRAPHY
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile TANIA ROSSETTO M-GGR/01

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative M-GGR/01 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 42 108.0

Calendario
Inizio attività didattiche 02/03/2020
Fine attività didattiche 12/06/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Syllabus
Prerequisiti: L'insegnamento non prevede prerequisiti.
Conoscenze e abilita' da acquisire: L’insegnamento si prefigge innanzitutto di attivare negli studenti una specifica ‘attenzione spaziale’ nei confronti della realtà che ci circonda, a diverse scale. L'insegnamento si propone dunque di fornire strumenti per l’interpretazione delle relazioni tra spazi e processi culturali secondo le chiavi di lettura della geografia culturale, seguendo le prospettive più recenti del dibattito disciplinare internazionale. In particolare, l'insegnamento intende fornire conoscenze, sviluppare capacità di lettura, implementare abilità comunicative e promuovere consapevolezza critica nei confronti dello spazio urbano nelle sue dinamiche culturali, sociali, politiche ed economiche contemporanee.
Modalita' di esame: L’esame si tiene in forma distinta per frequentanti e non frequentanti: esame orale in forma di colloquio per studenti frequentanti; esame scritto con domande chiuse e aperte per studenti non frequentanti. Gli studenti frequentanti si prepareranno principalmente sugli appunti e sui materiali presentati a lezione, avendo come riferimento secondario i testi in bibliografia, che verranno in ogni caso affrontati a lezione. Gli studenti non frequentanti si prepareranno esclusivamente sui tre testi indicati in bibliografia (con relative indicazioni di pagine: vedi sezione 'Testi di riferimento'), senza aggiunte. Sono vivamente sconsigliate situazioni ibride tra frequenza/non frequenza. La docente conferma che il carico di lavoro complessivo richiesto allo studente frequentante e allo studente non frequentante è paritario.
Criteri di valutazione: L’esame finale sarà teso a verificare il conseguimento di abilità comunicative, l’uso di un lessico specifico (italiano e inglese), la capacità di applicare conoscenze acquisite, nonché lo sviluppo di una certa autonomia di giudizio nella considerazione delle dinamiche culturali, sociali, politiche ed economiche della città contemporanea e più in generale nella lettura dei fenomeni geografico-culturali.
Contenuti: La città, tema portante del corso, funzionerà da oggetto geografico eccellente su cui testare vari approcci e vari nuclei di interesse della disciplina geografico-culturale. Le lezioni prenderanno avvio da una introduzione teorica alla geografia culturale (concetti chiave, metodologie, classici di riferimento, dibattiti attuali). Seguirà una introduzione agli studi urbani con particolare riferimento all'analisi di forme e dinamiche evolutive dell'urbanizzazione mondiale. Il corso svilupperà in seguito temi quali: la città postindustriale e le sue dinamiche economiche, le strategie e le retoriche del neoliberismo urbano, la culturalizzazione delle politiche urbane e i consumi culturali urbani, l'iniziativa delle Capitali Europee della Cultura, il city branding e la mercificazione dei toponimi urbani, la riurbanizzazione e i fenomeni di gentrificazione, la sicurezza urbana e il diritto alla città, le diversità/i conflitti e la giustizia urbana, i rapporti tra immagine urbana e dimensione multiculturale, il ‘marketing della differenza’, la città multiculturale/interculturale, i quartieri culturali e gli 'ethnic landscapes', i 'ghetti urbani', i fenomeni di segregazione e desegregazione spaziale, le 'politiche della mescolanza'. Gli argomenti verranno trattati con sistematici riferimenti a casi di studio in ambito nazionale e internazionale.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali con utilizzo di presentazioni ppt, video, reading, analisi di materiali iconografici.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio:
Testi di riferimento:
  • GIUSEPPE DEMATTEIS e CARLA LANZA, Le città del mondo. Una geografia urbana (seconda edizione). Torino: Utet, 2014. Solo le seguenti parti: cap. 2, cap. 3, fine cap. 4 e inizio cap. 5 (da pag. 97 a pag. 115), cap. 7, cap. 9. Totale pagine: 134 Cerca nel catalogo
  • GIOVANNI SEMI, Gentrification. Tutte le città come Disneyland?. Bologna: Il Mulino, 2015. Pagine: 196 Cerca nel catalogo
  • BRIATA P., Spazio urbano e immigrazione in Italia. Esperienze di pianificazione in una prospettiva europea. Milano: Franco Angeli, 2014. Pagine: 115 Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Case study
  • Questioning
  • Story telling
  • Mappe concettuali
  • Utilizzo di video disponibili online o realizzati

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Uguaglianza di genere Lavoro dignitoso e crescita economica Ridurre le disuguaglianze Citta' e comunita' sostenibili Consumo e produzione responsabili Pace, giustizia e istituzioni forti