Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria
SCIENZE FORESTALI E AMBIENTALI
Insegnamento
TECNICHE VIVAISTICHE DELLE PIANTE ORNAMENTALI
AGN1037539, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2019/20

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
SCIENZE FORESTALI E AMBIENTALI
AG0062, ordinamento 2017/18, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese NURSERY MANAGEMENT OF ORNAMENTAL PLANTS
Sito della struttura didattica https://www.agrariamedicinaveterinaria.unipd.it/
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Territorio e Sistemi Agro-Forestali (TeSAF)
Sito E-Learning https://elearning.unipd.it/scuolaamv/
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede LEGNARO (PD)
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile GIAMPAOLO ZANIN AGR/04

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative AGR/04 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
ESERCITAZIONE 2.0 16 34.0
LEZIONE 4.0 32 68.0

Calendario
Inizio attività didattiche 30/09/2019
Fine attività didattiche 18/01/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2017

Syllabus
Prerequisiti: Biologia vegetale
Conoscenze e abilita' da acquisire: Le conoscenze che verranno acquisite durante il corso sono:
1. Le basi anatomiche e fisiologiche del processo della propagazione gamica ed agamica delle piante.
2. Le tecniche di propagazione gamica ed agamica nel vivaismo e nel miglioramento genetico.
3. I metodi di propagazione delle specie ornamentali.
4. I tipi di vivaio, gli ambienti di propagazione e attrezzature di un vivaio.

Le abilità che verranno acquisite invece riguardano:
5 Riconoscere i vantaggi e gli svantaggi dei diversi metodi e tecniche di propagazione.
6. Individuare il metodo più efficiente di propagazione per le diverse specie e per specifici fini.
7. Capire come coltivare le piante madri, scegliere il materiale da raccogliere, applicare i trattamenti per migliorare l’efficacia e l’efficienza del metodo e tecnica di propagazione.
8. Individuare e riconoscere i parametri qualitativi del materiale di propagazione.

conoscenze/abilità professionalizzanti: 2, 3, 4, 7.
conoscenze/abilità trasversali (soft-skills): 6
Modalita' di esame: L’esame di profitto viene svolto con modalità orale. In particolare, la verifica passa attraverso: a. la discussione critica delle attività svolte in gruppo durante le esercitazioni; b. accertamento delle conoscenze e delle abilità acquisite sugli argomenti affrontati durante il corso.
Criteri di valutazione: Lo studente deve dimostrare di aver compreso, ed essere in grado di spiegare, gli argomenti trattati durante il corso. Deve conoscere le basi di ecologia, anatomia e fisiologia coinvolte nella tecnica di propagazione per seme e vegetativa, e saper valutare in modo critico quale materiale impiegare per la propagazione e come i trattamenti e il controlli dell’ambiente pedoclimatico possono migliorare l’efficienza della tecnica.
Contenuti: 1° credito = Il vivaio. Approvvigionamento del materiale vivaistico e qualità delle piante madri. Propagazione gamica: il seme e caratteristiche. Dormienza dei semi. Rottura della dormienza, fattori coinvolti. Raccolta, allestimento e conservazione delle sementi.
2° credito = Fattori fisiologici della germinazione dei semi e trattamenti pregerminativi. Propagazione vegetativa: metodi. Cloni. Fase giovanile e adulta, propaggine e margotte. Mutazioni e chimere. Repositori di piante madri.
3° credito = Propagazione per talea, erbacea, semilegnosa e legnosa. Anatomia e fisiologia della radicazione e trattamenti per favorire la radicazione delle talee. Applicazione di fitoregolatori alle talee. Riscaldamento basale, Nebulizzazione e fog. Indurimento e cure alle barbatelle.
4° credito = Le colture in vitro e tecniche di micropropagazione. Propagazione per innesto: Tipi di innesto Anatomia della saldatura degli innesti. Tecniche ed esperienze di innesto per specie ornamentali.
5° credito = Tecniche di vivaio: preparazione del terreno, semine, trapianti di arbusti e piante arboree in pieno campo. Concimazione, irrigazione e metodi irrigui. Potature delle piante in vivaio. Piante di pronto effetto.
6° credito = Piante in contenitore, substrati per l’allevamento, potature radicali. Produzione di piante ornamentali in serra. Controllo della taglia delle piantine.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il corso prevede ore di lezioni frontali in aula, esercitazioni in aula e in serra, uscite per visite tecniche.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Il materiale didattico presentato durante le lezioni, assieme ad altro materiale di auto-approfondimento, viene reso disponibile nella piattaforma Moodle della Scuola.
Testi di riferimento:
  • C. Vezzosi, Vivaistica Ornamentale. Bologna: Edagricole, 1998. Cerca nel catalogo
  • A. Zocca, La propagazione di alberi e arbusti. Bologna: Edagricole, 1999. Cerca nel catalogo
  • B. Suszka, C. Muller, M. Bonnet-Masimbert, Semi di latifoglie forestali. Bologna: Calderini edagricole, 2000. Cerca nel catalogo
  • H.T. Hartmann, D.E. Kester, F.T. Davies jr., Plant propagation, principles and practices. Englewood Cliffs, New Jersey: Prentice-Hall, International, Inc, 2011. Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Laboratory
  • Case study
  • Working in group
  • Action learning
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Salute e Benessere Istruzione di qualita' Lavoro dignitoso e crescita economica Industria, innovazione e infrastrutture Consumo e produzione responsabili