Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze
BIOLOGIA EVOLUZIONISTICA
Insegnamento
ECOFISIOLOGIA VEGETALE
SCN1031415, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2019/20

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
BIOLOGIA EVOLUZIONISTICA
SC1179, ordinamento 2018/19, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese PLANT ECOPHYSIOLOGY
Sito della struttura didattica http://biologia.scienze.unipd.it/2019/laurea_magistrale_biologiaevoluzionistica
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Biologia
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile TOMAS MOROSINOTTO BIO/04

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline del settore biomolecolare BIO/04 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 48 102.0

Calendario
Inizio attività didattiche 02/03/2020
Fine attività didattiche 12/06/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Syllabus
Prerequisiti: Sono fondamentali per la comprensione degli argomenti trattati conoscenze di base di Fisiologia Vegetale.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il corso prevede di fornire, anche attraverso la presentazione di casi di studio, gli strumenti per il riconoscimento e la comprensione da parte degli studenti dei meccanismi morfogenetici e fisiologici che stanno alla base dell'adattamento degli organismi vegetali all’ambiente e dell’interazione con gli altri organismi.
Modalita' di esame: La prova di profitto è scritta e consiste di domante aperte e a scelta multipla.
Criteri di valutazione: La prova di profitto composta di domande aperte a risposta ampia, di domande aperte a risposta breve permetterà di sondare la preparazione degli studenti per ciascun blocco di programma.
Contenuti: Definizione generale di stress e delle strategie comuni di evitazione e tolleranza: produzione di specie reattive dell’ossigeno (ROS), dell’azoto (RNS) e dello zolfo (RSS), attivazione del sistema antiossidante, regolazione ormonale, modificazioni epigenetiche. definizione di adattamento e acclimatazione
Stress da alta intensità luminosa. Fotoinibizione e fotoprotezione. Regolazione della fotosintesi in risposta alle condizioni ambientali. Dissipazione non radiante dell’energia luminosa. Ciclo delle xantofille. Regulazione del trapsorto elettronico. Danni al PSII e meccanismi di riparo. Regolazione della fissazione del carbonio. Adattamento della fotosintesi durante l’evoluzione. Piante eliofile: morfogenesi e caratteristiche strutturali e funzionali.
- Stress da bassa intensità luminosa. Piante sciafile: meccanismi morfogenetici e fisiologici di adattamento. Le piante di sottobosco. Risposte adattative di piante sotto coperture vegetali: strategie di “fuga dall’ombra”.
- Stress da eccesso d’acqua. Allagamento (“flooding”) e sommersione. Danni molecolari, cellulari e organismici. Fermentazioni e acidificazione del citoplasma. Meccanismi di evitazione e tolleranza in piante parzialmente sommerse (anfibie). Risposte adattative all’ipossia e all’anossia. Adattamenti morfogenetici delle piante alla sommersione. La fotosintesi sotto acqua. Meccanismi di concentrazione del carbonio inorganico nelle foglie delle piante sommerse.
- Stress da carenza d’acqua. Danni molecolari, cellulari e organismici. Meccanismi morfogenetici e fisiologici di resistenza al secco. Le xerofite. Tolleranza del disseccamento estremo: vere poichiloidriche e piante della resurrezione.
- Stress da sale. Strategie morfogenetiche e fisiologiche di resistenza al sale. Alofite facoltative e obbligate. Osmoregolazione. Meccanismi di regolazione dell’assorbimento e dell’accumulo di NaCl nella pianta. Il sistema SOS.
- Stress da freddo e stress da congelamento. Danni cellulari e risposte adattative. Osmoregolatori e crioprotettori. Le proteine antigelo parietali. Adattamento al disseccamento invernale e meccanismi di protezione dell’apparato fotosintetico in piante sempreverdi.
- Stress da caldo e heat shock. Danni cellulari e risposte adattative alle alte temperature. Le heat shock proteins negli stress. Il termometro delle piante: percezione e trasduzione dei segnali temperatura.
-Stress da inquinamento antropico. L’esempio dei metalli pesanti. Caratteristiche, tossicità e meccanismi di tolleranza. Sistemi di detossificazione. Le piante iperaccumulatrici: meccanismi e funzione dell’iperaccumulo. Phytoremediation e rizofiltration. Attuali approcci sperimentali per l’utilizzo di piante tolleranti o iperaccumulatrici nella depurazione di siti acquatici e terrestri inquinati da metalli pesanti.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il corso si compone solo di lezioni frontali. Il docente, per alcune tematiche, affiancherà a lezioni prettamente teoriche anche analisi di articoli scientifici con particolare attenzione alle metodologie più attuali utilizzate nello studio dell'ecofisiologia dei vegetali.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Non sono disponibili testi completi che coprano tutti gli argomenti trattati nel corso. Verranno quindi fornite agli studenti attraverso l'e-learning tutte le slide di lezione oltre ad articoli di approfondimento.
Testi di riferimento:
  • Rascio, Nicoletta; Trost, Paolo Bernardo, Elementi di fisiologia vegetale. Napoli: Edises, 2017. Cerca nel catalogo
  • Taiz, Lincoln; Zeiger, Eduardo; Maffei, Massimo, Fisiologia vegetale. Padova: Piccin, 2013. Cerca nel catalogo
  • Sanità di Toppi, Luigi; Pievani, Telmo, Interazioni piante-ambiente. Padova: Piccin, 2018. Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Case study
  • Questioning
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Fame Zero Istruzione di qualita' Energia pulita e accessibile Citta' e comunita' sostenibili Consumo e produzione responsabili Agire per il clima