Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
SCIENZE STORICHE
Insegnamento
DEMOGRAFIA STORICA (AVANZATO)
SUP3060278, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2019/20

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
SCIENZE STORICHE
LE0607, ordinamento 2017/18, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese HISTORICAL DEMOGRAPHY (ADVANCED)
Sito della struttura didattica www.dissgea.unipd.it
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Storiche Geografiche e dell'Antichità (DISSGeA)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile IRENE BARBIERA SECS-S/04

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline storiche, sociali e del territorio SECS-S/04 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 63 162.0

Calendario
Inizio attività didattiche 30/09/2019
Fine attività didattiche 18/01/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2017

Syllabus
Prerequisiti: E’ auspicabile, ma non necessaria, una conoscenza di base delle dinamiche di popolazione e dei metodi di analisi demografica delle fonti storiche. Ritorneranno invece molto utili e saranno costantemente richiamate le conoscenze di base di storia antica, medievale, moderna e contemporanea acquisiti durante il corso di Storia triennale.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Obiettivo del corso è quello di rendere gli studenti familiari con le dinamiche di popolazione attraverso la discussione delle diverse teorie interpretative dei fenomeni demografici e attraverso l’analisi di diversi case studies; verrà sviluppata la capacità di analisi dei fattori culturali, sociali e ambientali che si combinano nel determinare specifiche dinamiche demografiche; verranno acquisiti e interiorizzati, attraverso esempi ed esercitazioni pratiche svolte a lezione, i metodi di analisi demografica che resteranno un utile bagaglio per le ricerche future. Verrà inoltre sviluppata la capacità di analisi critica delle fonti utili per comprendere le dinamiche demografiche del passato, e poiché si tratta di fonti di diversa natura ciò permetterà di sviluppare anche la capacità di ricerca interdisciplinare.
Modalita' di esame: Gli studenti dovranno presentare una tesina scritta riguardante uno dei temi discussi durante il corso, concordato con la docente. L’esame inoltre prevede diverse modalità per frequentanti e non frequentanti:

Per i frequentanti: la valutazione si baserà per il 60% sulla tesina scritta (di max 7000 parole), per il 40% sull’attività svolta durante il corso che prevede la presentazione e discussione di alcuni saggi e lo svolgimento di un’esercitazione da svolgere in gruppo su una fonte assegnata.

Per i non frequentanti: la valutazione si baserà sulla tesina ( max 7000 parole) ed un colloquio orale sui testi concordati con la docente.
Criteri di valutazione: Per gli studenti frequentanti, la valutazione si baserà sulla comprensione degli argomenti svolti, sulla capacità di intervenire attivamente a lezione e sulla capacità di discussione critica dei testi che verranno discussi a lezione. Si valuteranno la capacità di analisi critica delle fonti, nonché l'acquisizione e l’interiorizzazione dei concetti e delle metodologie proposte e la capacità di applicarli nella redazione di un elaborato scritto.

Per gli studenti non frequentanti la valutazione si baserà sulla capacità di comprensione e di analisi critica dei testi studiati e sulla capacità di applicare i concetti chiave all’elaborazione di un testo scritto.
Contenuti: Titolo del corso: Generare, nascere e crescere in antico regime

Il corso intende esplorare, attraverso uno studio interdisciplinare delle fonti e dei metodi di analisi demografica, storica e antropologica le dinamiche di popolazione in diversi momenti storici. Particolare attenzione sarà dedicata agli aspetti connessi alla fecondità: concepimento, nascita e cure per il bambino, considerando la complessità di fattori sociali, culturali ed economici che hanno determinato in diverse popolazioni del passato diversi regimi di natalità e sopravvivenza. Non soltanto conoscenze mediche e biologiche, tradizioni e pratiche culturali hanno avuto una particolare influenza sulle cure dedicate ai bambini e sulla loro salute, ma anche le dinamiche di costruzione della parentela e dei ruoli di genere hanno giocato un ruolo indiretto ma non meno significativo sul numero di figli messi al mondo e sulle possibilità di sopravvivenza di madri e bambini. Questi aspetti saranno esaminati sia a livello teorico sia attraverso lo studio di specifici casi, relativi a diverse fasi cronologiche.
Più in dettaglio i diversi temi che verranno approfonditi sono i seguenti:

• Concepire, e generare: il corpo maschile e femminile, il controllo della fecondità
• Mettere al mondo: la fecondità tra biologia e cultura, le misure della fecondità
• Venire al mondo: cure della prima infanzia, sopravvivenza e mortalità infantile
• Philippe Ariés e l’infanzia nel passato: teorie a confronto
• Crescere in famiglia: strutture familiari, relazioni di parentela e sopravvivenza
• Nascere maschi e nascere femmine: regimi di genere e mortalità differenziale
• Dall’antico al nuovo regime demografico: le trasformazioni della mortalità e della fecondità in seguito alla rivoluzione industriale.
• Le fonti: le ricostruzioni familiari e lo studio della fecondità
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Le lezioni comprenderanno lezioni frontali, seminari ed esercitazioni.
E’ prevista una esercitazione sulla ricostruzione della fecondità usando i registri parrocchiali.

Ogni studente dovrà inoltre presentare e discutere a lezione dei saggi a scelta. La lista dei saggi e copia degli stessi sarà fornita a lezione. Le presentazioni saranno valutate e rappresenteranno parte del voto finale.

E’ caldamente consigliata la frequenza
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Tra i testi indicati al punto “testi di riferimento” ce ne sono alcuni di carattere introduttivo e generale, altri che potranno invece essere di riferimento per la stesura della tesina e le presentazioni durante la lezione.

Altri testi da discutere a lezione saranno scelti dalla docente e dagli studenti insieme e saranno disponibili sulla piattaforma Moodle del corso.

I temi e i testi per la tesina saranno proposti dagli studenti e concordati con la docente.

I non frequentanti dovranno concordare con la docente i testi per la tesina e per la discussione d’esame.
Testi di riferimento:
  • Livi Bacci, Massimo, Storia minima della popolazione del mondoMassimo Livi Bacci. Bologna: Il Mulino, 2011.
  • Filippini, Nadia Maria, Generare, partorire, nascereuna storia dall'antichità alla provettaNadia Maria Filippini. Roma: Viella, 2017.
  • Ariès, Philippe, Padri e figli nell'Europa medievale e modernaPhilippe Aries. Roma \etc.!: Laterza, 1996.
  • Blangiardo, Gian Carlo, Elementi di demografiaGian Carlo Blangiardo. Bologna: Il mulino, 1997. capitoli 1, 2, 3
  • Dalla_Zuanna, Gianpiero; Piccione, Leonardo, Sweet child of minechild mortality in Veneto at the dawn of the demographic transitionGiampiero Dalla Zuanna, Alessandra Minello, Leonardo Piccione. Padova: CLEUP, 2017.
  • Mustakallio, Katariina; Laes, Christian, <<The >>dark side of childhood in late antiquity and the Middle Agesunwanted, disabled and lostedited by Katariina Mustakallio and Christian Laes. Oxford: Oxbow Books, 2011, --.

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Laboratory
  • Problem based learning
  • Case study
  • Interactive lecturing
  • Working in group
  • Questioning
  • Action learning
  • Story telling
  • Problem solving

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Salute e Benessere Istruzione di qualita' Uguaglianza di genere Pace, giustizia e istituzioni forti