Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
SCIENZE ARCHEOLOGICHE
Insegnamento
STRATIGRAFIA E PROCESSI FORMATIVI
LEN1032865, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2019/20

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
SCIENZE ARCHEOLOGICHE
LE0616, ordinamento 2018/19, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese STRATIGRAPHY AND FORMATIVE PROCESSES
Sito della struttura didattica http://www.beniculturali.unipd.it/www/homepage/
Dipartimento di riferimento Dipartimento dei Beni Culturali: Archeologia, Storia dell'Arte, del Cinema e della Musica (DBC)
Sito E-Learning https://elearning.unipd.it/scienzeumane/course/view.php?idnumber=2019-LE0616-000ZZ-2019-LEN1032865-N0
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile CRISTIANO NICOSIA L-ANT/10

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Archeologia e antichità classiche e medievali L-ANT/10 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 42 108.0

Calendario
Inizio attività didattiche 30/09/2019
Fine attività didattiche 18/01/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
8 2019 01/12/2019 30/11/2020 NICOSIA CRISTIANO (Presidente)
CUPITO' MICHELE (Membro Effettivo)
7 2016/19 01/12/2018 30/11/2019 NICOSIA CRISTIANO (Presidente)
CUPITO' MICHELE (Membro Effettivo)

Syllabus
Prerequisiti: Il Corso di Studio non prevede propedeuticità
Conoscenze e abilita' da acquisire: - Capacità di leggere, comprendere, interpretare e rilevare sequenze stratigrafiche in contesti archeologici ed in contesti naturali di rilievo per un determinato sito (off-site, sequenze regionali, ecc)

- Comprensione dei processi (a) sedimentari fondamentali; (b) pedologici di base, e (c) antropici, responsabili per la formazione delle stratificazioni archeologiche

- Comprendere la differenza tra processi deposizionali e post-deposizionali; tra "C transforms" ed "N transforms" (cfr. Schiffer),tra giacitura primaria e secondaria; tra materiali autoctoni ed alloctoni; i concetti di "rimaneggiamento", di "tafonomia", di "diagenesi", di "bioturbazione".

- Comprensione dei principi base di stratigrafia in geologia (solo concetti utili per la scala archeologica) e della stratigrafia in archeologia (Harris etc.)

- Essere in grado di redigere un matrix di Harris e compilare in maniera sensata schede US ministeriali

- Comprendere alcuni aspetti specifici delle stratificazioni antropiche (con cenni di micromorfologia del suolo, cioè lo studio dei sedimenti archeologici al microscopio), tra cui: rubefazione dei sedimenti per esposizione al fuoco; formazione ed alterazione della cenere; coproliti e fosfati secondari; ossi e loro alterazione; materiali da costruzione in terra (incannucciato, malta di fango, mudbricks, etc.) e loro alterazione.
Modalita' di esame: È previsto un esame scritto della durata massima di 90 minuti, con 10 domande aperte e solitamente una o due domande a scelta multipla, volte a verificare l'acquisizione delle conoscenze derivanti dalla frequenza del corso, dallo studio dei powerpoint delle lezioni (rilasciati dal docente) e dalle letture aggiuntive in inglese ed in italiano assegnate.

Viene inoltre richiesto di compilare un diagramma di Harris a partire dal disegno di una sequenza stratigrafica.
Criteri di valutazione: Verranno valutate:

1) la conoscenza degli argomenti trattati nel corso;
2) l'acquisizione di alcuni concetti chiave e di terminologia appropriata (cfr. supra "Conoscenze e abilità da acquisire")
3) la partecipazione durante il corso e le eventuali uscite
4) la capacità di rispondere in maniera chiara e concisa ai quesiti; la capacità di esprimersi in italiano corretto dal punto di vista sintattico, ortografico e grammaticale (per gli studenti italiani)
Contenuti: Il corso consta di due parti:

Parte 1 - CONCETTI BASE ("ferri del mestiere")

- I sedimenti ed i processi sedimentari fondamentali; la descrizione dei sedimenti sul campo; gli ambienti deposizionali (con particolare attenzione agli ambienti alluvionali e a quelli lacustri-palustri); i processi colluviali; pavimenti di erosione e stone line.

- I processi di formazione dei suoli (pedologici); I fattori della pedogenesi; gli orizzonti pedogenetici (O, A, B, C) ed alcuni suffissi rilevanti per l'archeologia (orizzonti Ap, Ab, Bt, Bw); le discontinuità litologiche; i suoli sepolti; i processi pedogenetici (in particolare: bioturbazione, ossido-riduzione; lisciviaggio ed illuviazione).


Parte 2 - STRATIGRAFIA E PROCESSI FORMATIVI

- Principi base di stratigrafia in geologia (legge di sovrapposizione, principio di anteriorità, ecc.), e confronto con i principi della stratigrafia in archeologia (cfr. Harris etc.)

- I processi formativi secondo M. B. Schiffer: processi deposizionali e post-deposizionali;"C transforms" ed "N transforms", giacitura primaria e secondaria; "primary" , "secondary" e "tertiary refuse".

- Matrix di Harris con esercizi svolti assieme in aula e compilazione delle schede US ministeriali; lettura e commento di descrizioni di sequenze stratigrafiche e diagrammi di Harris desunti dalla letteratura;

- Alcuni aspetti specifici delle stratificazioni antropiche (v. "Conoscenze ed abilità da acquisire" supra).
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali con presentazioni in power point; le lezioni frontali cercheranno sempre di coinvolgere gli studenti e di stimolare la discussione.

Assegnazione di letture da discutere assieme in aula.

Il docente è disponibile per qualsiasi chiarimento o domanda sui contenuti del corso via email, dopo lezione o negli orari di ricevimento.

La frequenza è vivamente consigliata.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: La bibliografia d'esame, i testi e i powerpoint presentati a lezione saranno disponibili nella pagina Moodle del Corso:

Oltre ai Powerpoint del docente (file .ppt e .pptx), le letture per l'AA. in corso prevedono:

1. MANDEL R. D., BETTIS III E. A. (2001), Use and analysis of soils by archaeologists and geoscientists – A North American perspective, in GOLDBERG et Al. (ed.), Earth Sciences and Archaeology, Associated Press, New York, pp. 174-204.

(Non i casi di studio - solo concetti generali sui suoli in archeologia)


2. Leonardi, G., Balista C. 1992 - Linee di Approccio al Deposito Archeologico In : Leonardi G. (ed) Atti del Seminario internazionale Formation processes and excavation methods in archaeology: perspectives. Padova 15-27 Luglio 1991. Saltuarie dal laboratorio del Piovego, 3, pp. 75-99


3. Harris, E.C. (anno variabile a seconda dell’edizione) – Principi di stratigrafia archeologica. Carocci Editore.

Limitatamente ai seguenti capitoli:

Capitolo 5: Strati, Strati geologici e stratificazione

Capitolo 6: L’interfaccia nella stratificazione archeologica

Capitolo 9: Correlazione, messa in fase e sequenze stratigrafiche


4. Stein, J.K. 2001 – A review of site formation processes and their relevance to Geoarchaeology. In: Goldberg, P., Holliday, V.T., Reid Ferring, C. (eds.) Earth Sciences and Archaeology. Kluver/Plenum, New York, pp. 37-51

(escluso il paragrafo 3 “examples”)
Testi di riferimento: