Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
CULTURE, FORMAZIONE E SOCIETÀ GLOBALE
Insegnamento
SOCIOLOGIA DELLE DIFFERENZE (MOD. B)
SUP4061080, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2019/20

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
CULTURE, FORMAZIONE E SOCIETÀ GLOBALE
SU2090, ordinamento 2015/16, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese SOCIOLOGY OF DIFFERENCES (MOD. B)
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata (FISPPA)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA

Docenti
Responsabile LUCA TRAPPOLIN SPS/07

Corso integrato di appartenenza
Codice Insegnamento Responsabile
SUP4061078 PEDAGOGIA E SOCIOLOGIA DELLE DIFFERENZE (C.I.) GIUSEPPE MILAN

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline psicologiche, sociologiche e antropologiche SPS/07 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 42 108.0

Calendario
Inizio attività didattiche 30/09/2019
Fine attività didattiche 18/01/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2015

Syllabus

Caratteristiche comuni al Corso Integrato

Prerequisiti: Conoscenze di base relative alla Pedagogia e Didattica generale, alla Sociologia dei processi culturali (con particolare riferimento alla teoria del conflitto).
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il corso si propone di far acquisire strumenti concettuali e metodologici, conoscenze teoriche e competenze su aspetti rilevanti della pedagogia interculturale, della didattica inclusiva e della sociologia delle differenze. Particolare attenzione verrà data alla appropriazione di conoscenze pedagogiche e sociologiche, nonché abilità didattiche necessarie per la comprensione dei costrutti educativi e sociali connessi alle differenze umane, in termini sociali, culturali e evolutivi. Tali conoscenze verranno declinate per consentire la creazione di "comunità inclusive". Si individueranno i presupposti sociologici, valori e dispositivi pedagogici, nonché le risorse e strategie didattiche per la promozione di società in cui ogni soggettività può svilupparsi in ambienti di attività e partecipazione, attivando le capacità dialogiche di riconoscere, valorizzare e sfruttare le differenze individuali e il potenziale socio-cognitivo dell'interazione.
Modalita' di esame: Ognuno dei tre insegnamenti prevede una valutazione autonoma sui materiali indicati da ogni docente. Eventuali prove scritte potranno assumere la forma semistrutturata e mista (a risposta chiusa e aperta). Sono previste anche relazioni integrative sulle attività proposte (redazione di paper e progetti individuali/di gruppo). Eventuali variazioni sulle modalità d'esame per i frequentanti verranno definite durante le lezioni.
Criteri di valutazione: La valutazione finale sarà data dalla media delle valutazioni parziali di ogni docente e si baserà esclusivamente sui risultati ottenuti nelle prove d'esame. Le prove presentano domande mirate a valutare il livello di appropriazione della materia raggiunto dallo studente, tenendo in considerazione i seguenti criteri: conoscenze della letteratura indicata, uso appropriato e rigoroso del lessico specifico; chiarezza concettuale; modalità espositiva; approccio critico/problematico; rielaborazione personale; completezza argomentativa e riferimenti teorici.

Caratteristiche proprie del modulo

Contenuti: In un famoso testo del 1997 (Difference Trouble), il sociologo americano Steven Seidman proponeva un inquadramento concettuale e un programma di ricerca finalizzati a “prendere la differenza sul serio” (taking difference seriously). Le parole-chiave attorno alle quali programmi come quello di Seidman si muovono sono difference, knowledge e power.
Nel panorama internazionale, gli insegnamenti attinenti alla Sociologia delle differenze intrecciano tra loro i temi della differenza culturale, del pluralismo dei sistemi di interpretazione e dei meccanismi del potere per gettare luce su due aspetti:
a) la costruzione sociale dei significati attribuiti alle differenze (soprattutto legate al genere, alle specificità etniche, all’orientamento sessuale);
b) le conseguenze dell’emersione delle differenze sul piano della stratificazione sociale, della costruzione dei legami sociali, degli assetti della cittadinanza e della configurazione dei conflitti.

Da queste premesse, il corso si propone di fornire alcuni elementi teorici e di analisi empirica finalizzati a “leggere” il mondo che ci circonda a partire dalle differenze che lo abitano (etniche, di genere, di orientamento sessuale), con una specifica attenzione allo sviluppo di un’attitudine decostruttiva nell’osservazione delle dinamiche sociali. Uno dei temi portanti sarà perciò la crisi dei paradigmi conoscitivi centrati su ipotesi universaliste e su approcci comunitaristi alla differenza.

Nella prima parte, il corso si svilupperà attraverso lezioni frontali sul tema dell’interpretazione sociologica del concetto di differenza. Gli argomenti che verranno discussi sono i seguenti:

* la definizione della differenza culturale nell’antropologia;
* l’interpretazione della differenza nella sociologia classica;
* la sfida dei Cultural Studies;
* la nascita e lo sviluppo dell’approccio dell’intersezionalità (inteso anche come paradigma per l’analisi delle identità);
* le differenti interpretazioni sociologiche del tema della post-modernità (il contributo delle differenze alla costruzione della post-modernità).

Inoltre, verrà dedicata particolare attenzione all'analisi delle trasformazioni culturali che hanno supportato la costruzione del nesso tra omofobia e modernità, partendo dal testo "Raccontare l'omofobia in Italia" (Trappolin e Gusmeroli, 2019) incluso nella bibliografia per l'esame.

Nella seconda parte, le lezioni saranno organizzate in forma di seminari nei quali studenti e studentesse presenteranno e discuteranno articoli e saggi prevalentemente di ricerca focalizzati sui seguenti argomenti:

Le politiche dell’identità:
* la riappropriazione della differenza da parte dei soggetti marginali: il passaggio dalla sameness alla differenza rivendicata;
* disuguaglianza, differenza e mobilitazione collettiva;
* il dibattito sul rapporto tra differenze e disuguaglianze: la disputa tra riconoscimento e redistribuzione ;
* l’ambivalenza delle politiche dell’identità: le contraddizioni delle “enclave”.

Le politiche per l’identità:
* le affirmative actions: storia e sviluppi;
* la violenza simbolica come paradigma per analizzare le politiche anti-discriminazione (politiche antirazziste; politiche contro la violenza di genere; politiche contro l’omofobia);
* la progettazione Europea in tema di riconoscimento delle differenze.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Nelle prime quattro settimane di lezione, il corso si svilupperà attraverso lezioni frontali sui concetti portanti del primo filone tematico (Pensare le differenze). Dalla quinta alla settima settimana, le lezioni prevedono la partecipazione attiva degli studenti nell’esposizione e nella discussione di saggi, articoli e report riguardanti il secondo ed il terzo filone tematico (Le politiche dell’identità; Le politiche per l’identità). Inoltre, si daranno indicazioni operative sulla redazione dei paper per l’esame (secondo la modalità per frequentanti).
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: I saggi, gli articoli e i report per le attività dalla terza alla settima settimana verranno forniti dal docente durante il corso.

Tutto il materiale didattico relativo all'insegnamento (articoli, saggi, syllabus, slides ecc.) verrà caricato nella piattaforma Moodle del corso, dove sono disponibili i materiali degli anni precedenti.

La prova (scritta od orale) per le studentesse e gli studenti NON FREQUENTANTI verterà sul testo e sugli articoli indicati in bibliografia.

Il materiale di base per la composizione dei paper d'esame per le/i FREQUENTANTI verrà fornito dal docente durante il corso.
Testi di riferimento:
  • Luca Trappolin e Paolo Gusmeroli, Raccontare l'omofobia in Italia. Genesi e sviluppi di una parola chiave. Torino: Rosenberg & Seliler, 2019.
  • Enzo Colombo, Multiculturalismo quotidiano. Verso una definizione sociologica della differenza. Articolo su rivista: <<Rassegna Italiana di Sociologia>>, nr. 2, 2006. Cerca nel catalogo
  • Marjoka van Doorn, The Nature of Tolerance and the Social Circusmtances in Which It Emerges. Articolo su rivista: <<Current Sociology Review>>, 2014, vol. 62(6)., 2014. Pp. 905-927

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Laboratory
  • Working in group
  • Peer feedback
  • Peer assessment
  • Scrittura riflessiva

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Uguaglianza di genere Ridurre le disuguaglianze Pace, giustizia e istituzioni forti