Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Economia e Scienze politiche
SCIENZE POLITICHE
Insegnamento
ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO (Iniziali cognome A-L)
SP09104044, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2019/20

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
SCIENZE POLITICHE
EP2448, ordinamento 2018/19, A.A. 2019/20
A1301
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese PRIVATE LAW
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile UMBERTO ROMA IUS/01

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE discipline giuridiche IUS/01 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
Turni
ESERCITAZIONE 2.0 15 35.0 2
LEZIONE 7.0 50 125.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 02/03/2020
Fine attività didattiche 12/06/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Syllabus
Prerequisiti: Buona conoscenza della lingua italiana parlata e scritta
Conoscenze e abilita' da acquisire: - uso consapevole ad appropriato del linguaggio del diritto privato
- conoscenza della struttura del codice civile e della distribuzione in esso dei vari settori del diritto privato
- capacità di riconoscere l’esistenza di un problema giuridico coinvolgente questioni di diritto privato e capacità di impostarne la risoluzione
Modalita' di esame: L'esame consiste in una prova orale, alla quale si accede previo superamento di una prova scritta, consistente in 10 domande a risposta limitata a 6/10 righe ciascuna.
Il superamento della prova scritta consente di sostenere la prova orale esclusivamente nel medesimo appello (ciò significa che quanti hanno superato la prova scritta, ma non sostengono la prova orale nel medesimo appello, dovranno ripetere la prova scritta).

Si ricorda che lo studente deve iscriversi on-line all'appello d'esame sia alla lista dello scritto che a quella dell'orale.

Si consiglia vivamente a coloro che non superano la prova scritta di esaminare con il docente, in orario di ricevimento, l'elaborato scritto al fine di comprendere le ragioni dell'insuccesso (ed evitare di affrontare la successiva prova scritta "all'arma bianca" ed "alla cieca").
Il docente assicurerà, comunque, un incontro con gli studenti per la correzione pubblica dialogata della prova scritta di ciascun appello.

Programma e modalità di esame sono i medesimi per studenti frequentanti e non frequentanti
Criteri di valutazione: La valutazione sarà parametrata sui seguenti criteri:
- correttezza del linguaggio giuridico
- conoscenza degli istituti privatistici oggetto del programma
- conoscenza della struttura del codice civile e capacità di reperire rapidamente al suo interno gli istituti oggetto del programma di esame
- capacità di risolvere un semplice caso pratico (la cui soluzione di regola presupporrà l'applicazione di uno o due articoli del codice civile)
- conoscenza mnemonica degli articoli del codice civile indicati infra nella sezione "Attività di insegnamento previste e metodologie di insegnamento"
Contenuti: 1. Introduzione al linguaggio giuridico. Struttura della norma giuridica e interpretazione.
2. L'ambito del diritto privato e le sue fonti.
3. Vicende della codificazione in Italia. Codice civile e Costituzione
4.Il rapporto giuridico di diritto privato. Le situazioni giuridiche soggettive elementari. Il diritto soggettivo. La tutela delle situazioni giuridiche. La certezza nel tempo.
5. L'attività giuridica: fatti e atti giuridici, l’idea di autonomia privata. Distinzioni tra atti giuridici. Efficacia e validità degli atti giuridici. La sostituzione nell'attività giuridica: la rappresentanza.
6. I soggetti dell'attività giuridica: soggetto e "persona". Le persone fisiche. La capacità. I diritti della persona.
7. Le persone giuridiche e gli enti non-profit.
8. L'oggetto dell'attività giuridica: beni, cose, diritti.
9. Il diritto di proprietà. I diritti su cosa altrui. La comunione. Il condominio. La multiproprietà
10. Il possesso: nozione, rilevanza, requisiti. Modi di acquisto del possesso.
11. Gli strumenti di tutela della proprietà e del possesso.
12.L'obbligazione. Il rapporto obbligatorio e le sue fonti.
13. Il contenuto: la prestazione. Correttezza e buona fede. Obbligo e responsabilità.
14. Disciplina e vicende del rapporto obbligatorio. Adempimento: Modalità e soggetti. Inadempimento: effetti. Tipi particolari di obbligazione. Responsabilità patrimoniale e garanzie del credito: garanzie reali e personali.
15. Gli strumenti dell'attività giuridica. Il contratto: funzione ed efficacia. La "forza di legge" del contratto. Autonomia contrattuale e limiti: il contenuto del contratto.
16. Gli elementi del contratto: elementi essenziali ed elementi "accidentali". La conclusione del contratto. Contratti consensuali e contratti reali. Trattative e responsabilità precontrattuale. Contratti di serie e contratti del consumatore.
17. L'efficacia del contratto. Diversi tipi di efficacia: efficacia reale ed efficacia obbligatoria.
18. Validità e invalidità del contratto. Cause di invalidità.
19. Lo scioglimento del contratto. La rescissione.
20. I singoli contratti.
21. Fonti non contrattuali di obbligazione.
22. L'illecito civile. Fatti illeciti e responsabilità. Funzioni della responsabilità civile. Elementi oggettivi e soggettivi dell'illecito. Danno e risarcimento.
23. Nozioni fondamentali in tema di famiglia e di successioni.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali

E' INDISPENSABILE, nello studio e a lezione, l'utilizzo di un CODICE CIVILE di qualsiasi editore, purché aggiornato. Durante lo svolgimento delle lezioni, infatti, il docente farà costante riferimento al testo del codice civile; è, pertanto, vivamente raccomandato di portare a lezione il codice civile.

In sede di preparazione dell’esame, è necessario che lo studente curi di conoscere la struttura del codice civile, vale a dire la ripartizione del medesimo in libri, titoli, capi e sezioni. Ciò non significa conoscere a memoria l’indice sommario del codice (salva l’intitolazione di ciascuno dei sei libri), ma sapere quali grandi istituti trovano disciplina nel codice e in quali libri del medesimo si trovano.

E’ fortemente raccomandata la CONOSCENZA MNEMONICA dei seguenti articoli del codice civile: 428, 587, 832, 1027, 1140, 1153, 1173, 1174, 1218, 1321, 1325, 1418, 1425, 1427, 2043.

Si ricordi il monito del giurista francese Marcel Planiol: "Tout étudiant qui n'a pas sur sa table son code, à côté de son manuel, travaille mal et ne sait pas s'y prendre".
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Il testo in adozione è indicato infra alla sezione "Testi di riferimento"

Per confronti ed approfondimenti possono consultarsi:
A. TORRENTE - P. SCHLESINGER, Manuale di diritto privato, Giuffrè, ultima edizione
G. IORIO, Corso di diritto privato, Giappichelli, ultima edizione
F. BOCCHINI - E. QUADRI, Diritto privato, Giappichelli, ultima edizione
Programma e modalità di esame sono i medesimi per studenti frequentanti e non frequentanti
Testi di riferimento:
  • G. IUDICA - P. ZATTI, Linguaggio e regole del diritto privato. Padova: Cedam, 2018. Non sono oggetto di esame i seguenti capitoli del manuale: 29, 31, 32, 33, 34, 35, 36, 37, 39, 40, 42, 47, 48. Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Problem based learning
  • Story telling
  • Problem solving

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Salute e Benessere Ridurre le disuguaglianze