Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO
Insegnamento
LABORATORIO DI FIGURE PROFESSIONALI LEGATE ALLA PRODUZIONE AUDIOVISIVA
SUP8083899, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2019/20

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO (Ord. 2018)
LE0606, ordinamento 2018/19, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 3.0
Tipo di valutazione Giudizio
Denominazione inglese PROFESSIONAL FIGURES IN AUDIOVISUAL PRODUCTION WORKSHOP
Sito della struttura didattica http://www.beniculturali.unipd.it/www/homepage/
Dipartimento di riferimento Dipartimento dei Beni Culturali: Archeologia, Storia dell'Arte, del Cinema e della Musica (DBC)
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta Insegnamento riservato SOLO agli iscritti al corso di DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO (Ord. 2018)

Docenti
Responsabile MARINA ZANGIROLAMI

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
ALTRO Altre conoscenze utili per l'inserimento nel mondo del lavoro -- 3.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Annuale
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LABORATORIO 3.0 24 51.0

Calendario
Inizio attività didattiche 30/09/2019
Fine attività didattiche 20/06/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
1 2018/19 01/12/2018 30/11/2019 POLATO FARAH (Presidente)
LAVARONE GIULIA (Membro Effettivo)
SALVATORE ROSAMARIA (Membro Effettivo)

Syllabus
Prerequisiti: Non è richiesta alcuna conoscenza pregressa.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il laboratorio mira a fornire

1) la conoscenza del funzionamento del lavoro di una troupe cinematografica e delle competenze specifiche delle singole professionalità.
2) la conoscenza dell’organizzazione delle riprese di un film e la stesura del piano di lavorazione;
3) la capacità di entrare in un set e farne parte attiva;
4) la capacità di programmare, organizzare e girare un proprio cortometraggio.
Modalita' di esame: Attività propedeutica all'inserimento al mondo del lavoro.
Non comporta prove finali ma una valutazione sintetica di approvazione (giudizio sintetico di "approvato" /"non approvato").
Per quanto riguarda il suo superamento (approvato) e la conseguente creditizzazione (3 cfu), si rinvia al box "criteri di valutazione"
Criteri di valutazione: Criteri di valutazione.
L'acquisizione di crediti è sottoposta
-alla proficua frequentazione di almeno il 70 per cento degli incontri
-allo svolgimento delle attività proposte.

Vengono valutate
-la capacità di programmare le giornate di lavoro,
-la capacità di tradurre in immagini le idee di racconto
Contenuti: Il laboratorio, che prevede una parte introduttiva e una operativa, affronta l'organizzazione delle fasi e delle attività necessarie alla realizzazione di un film. Nello specifico,
-analisi della composizione di una troupe cinematografica: i vari reparti (produzione, regia, fotografia, scenografia, costumi, trucco, edizione); le rispettive strutture e funzioni, il coordinamento delle diverse componenti, necessario allo svolgersi delle riprese
-i ruoli dell’aiuto regista, coordinatore e organizzatore sul set
-costruzione del sequenziario: spoglio per scene e per ambienti, stesura del fabbisogno per ogni scena, preparazione del piano di lavorazione e della programmazione dei tempi di lavorazione.
-progettazione dell’ordine del giorno: come organizzare ogni giornata sul set e la scansione degli orari.
-composizione del cast: i ruoli minori e le comparse; gestione dei movimenti delle comparse durante le riprese e gestione della continuità
-le inquadrature e la loro organizzazione.
Nella parte pratica vengono anche analizzate le proposte formative delle migliori scuole di cinema italiane. A partire dalle indicazioni esposte nella prima sezione, si effettueranno casi di studio applicativo con lettura e analisi del copione, divisione per scene e per ambienti, organizzazione e simulazione di un piano di lavoro, compilazione degli ordini del giorno per le singole giornate di lavoro di ogni settimana in una prospettiva di problem solving.

IL LABORATORIO SARÀ ATTIVO A PARTIRE DAL II SECONDO SEMESTRE. NEL MESE DI FEBBRAIO VERRÀ COMUNICATO IL CALENDARIO CON DATE, ORARI E LUOGO. L'APERTURA DELLE ISCRIZIONI VERRA' COMUNICATA TRAMITE MOODLE
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Didattica frontale con utilizzo e produzione di video
Esercitazioni pratiche
Discussioni coordinate in aula e tramite il supporto Moodle
Analisi di casi di studio con modalità problem solving
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: La bibliografia e altre indicazioni saranno fornite durante il corso. In "testi di riferimento" si suggerisce una lettura utile a introdurre il percorso formativo.
Testi di riferimento:
  • Mamet, David; Abbinante, Flavia; Tortorella, Bruna; Serafini, Francesca; Lombardi Bom, Andreina; Ventriglia, Gino, <<I >>tre usi del coltellosaggi e lezioni sul cinemaDavid Mamettraduzioni di Flavia Abbinante, Andreina Lombardi Bom, Bruna Tortorellaprefazione di Francesca Serafinicon una nota introduttiva di Gino Ventriglia. Roma: Minimum fax, 2002. Il testo è suggerito come introduzione al corso Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Laboratory
  • Case study
  • Interactive lecturing
  • Working in group
  • Action learning
  • Story telling
  • Problem solving
  • Active quiz per verifiche concettuali e discussioni in classe
  • Videoriprese realizzate dal docente o dagli studenti
  • Utilizzo di video disponibili online o realizzati
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)