SANTOVITO GIANFRANCO

Recapiti
Posta elettronica
49cbbd9fae09d913f33dde32fe39bbde
porta questa
pagina con te
Struttura Dipartimento di Biologia
Telefono 0498276310
Qualifica Ricercatore universitario confermato
Settore scientifico BIO/09 - FISIOLOGIA
Rubrica di Ateneo  Visualizza
 

Orario di ricevimento
Giovedì dalle 11:00 alle 13:00 Dipartimento di Biologia, Centro Vallisneri, Via Ugo Bassi 58B, Ala Scientifica, 6° Semipiano Sud, stanza 16. E' opportuno concordare un appuntamento. Sono possibili altre date ed orari oltre quelli indicati.
(aggiornato il 21/07/2017 10:19)

Proposte di tesi
Per studenti di corsi di laurea magistrale di ambito biologico, le tesi saranno collocate nelle seguenti aree di ricerca:
- Studio del sistema antiossidante del protozoo ciliato Tetrahymena thermophila, utilizzato anche come organismo modello nella ricerca ecotossicologica e biomedica.
- Studio del sistema antiossidante in pesci e molluschi antartici in chiave evolutiva ed ecotossicologica.
- Studio del sistema antiossidante nell'ascidia solitaria Ciona intestinalis in chiave ecotossicologica.
- Studio del sistema antiossidante nel lombrico rosso Eisenia foetida in chiave ecotossicologica.

Le metodologie utilizzate spazieranno dalla biochimica (saggi spettrofotometrici in UV e VIS), alla biologia molecolare (purificazione di acidi nucleici; sintesi, amplicicazione, clonaggio e sequenziamento di cDNA; semi quantitative RT-PCR e quantitative Real Time-PCR), alla citologia (culture cellulari di organismi procarioti ed eucarioti), alla bioinformatica (multiallineamento di sequenze nucleotidiche e aminoacidiche, progettazione di primers, analisi filogenetiche mediante costruzione di cladogrammi).

Per gli studenti del corso di laurea magistrale in Scienze della Formazione Primaria, le tesi riguarderanno ricerche didattiche nell'ambito della biologia. L'attività di ricerca verrà svolta in ambito scolastico dove verranno realizzate delle lezioni frontali e laboratoriali appositamente progettate. Gli argomenti spazieranno in tutte le discipline della biologia, e non solo in riferimento a quanto indicato dalle Indicazioni Nazionali per il Curricolo (2012).

Curriculum Vitae
Gianfranco Santovito si è laureato in Scienze Biologiche presso l'Università degli Studi di Padova nel 1990, presentando una tesi sperimentale dal titolo “Vaccinazione antipoliomielitica in bambini nati da madri con infezione da HIV”, elaborata presso il laboratorio di Virologia dell'Istituto d'Igiene dell'Università di Padova.
Dopo la laurea ha svolto l'anno di tirocinio pratico, propedeutico all'esame di stato per l'abilitazione alla professione di Biologo, presso la sezione di Fisiologia Ambientale e Zoologia Sperimentale del Dipartimento di Biologia, dedicandosi allo studio di enzimi antiossidanti in vertebrati (pesci) e protozoi antartici e sub-antartici e allo studio comparativo dei livelli di metalli in traccia in crostacei sub-antartici.
Dopo aver conseguito l'abilitazione alla professione di Biologo nel 1992, ha continuato a frequentare il Dipartimento di Biologia dedicandosi a ricerche relative alla contaminazione da metalli in traccia in molluschi, crostacei ed alghe prelevati in varie zone della laguna di Venezia.
Nel 1993 è entrato a far parte del progetto "Sistema Lagunare Veneziano", linea di ricerca 1.7. -Studi di ecotossicologia ed effetti biologici di inquinanti inorganici (metalli) ed organici nel sistema lagunare veneziano-, in qualità di borsista dell'Università di Padova, svolgendo attività di ricerca nel campo dei metalli in traccia e degli enzimi antiossidanti.
Nel gennaio 1994 ha vinto una borsa di Dottorato di Ricerca in Biologia Evoluzionistica (IX Ciclo) presso l’Università di Padova e nel febbraio dello stesso anno ha iniziato la sua attività di ricerca presso il laboratorio di Fisiologia della sezione di Biofisica e Biologia Molecolare del Dipartimento di Biologia, dedicandosi allo studio della superossido dismutasi di lieviti e batteri, in contesti metabolici favorevoli alla produzione di specie reattive dell'ossigeno. In particolare ha studiato nei lieviti (Candida boidinii e Saccharomyces cerevisiae) il coinvolgimento di questo enzima nell'esposizione ad elevate concentrazioni di un metallo con proprietà redox come il rame, mettendo in relazione l'induzione della sintesi di questa proteina con quella di altri sistemi scavenger.
Nel 1997 ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca con una tesi intitolata “Superossido dismutasi a rame e zinco in lieviti e batteri”.
Nel 1996 ha vinto un concorso pubblico per titoli ed esami per un posto di Collaboratore Tecnico dell'Università di Padova e fino al 2002 ha svolto la sua attività presso il Dipartimento di Biologia, sezione di Fisiologia Ambientale e Zoologia Sperimentale, partecipando a ricerche di ecotossicologia su molecole chelanti i metalli e su enzimi antiossidanti, particolarmente in organismi marini.
Dal 1° ottobre 2002 è Ricercatore Universitario Confermato per il settore scientifico-disciplinare BIO/09 presso la Facoltà di Scienze MM FF NN, essendo risultato vincitore del relativo concorso per titoli ed esami.
Dal 2001 è membro dell’Unione Zoologica Italiana.
Dal 2003 è membro della Società Italiana di Fisiologia.
Dal 2012 è membro della Società Italiana di Immunobiologia Comparata e dello Sviluppo.
Dal 2013 è membro della Società Italiana di Protistologia.
Dal 2015 è membro della Società Internazionale di Protistologia.
Nel 2011 gli è stata conferita una Medaglia del Congresso degli Stati Uniti d’America per meriti scientifici.

Curriculum del docente in PDF: 49CBBD9FAE09D913F33DDE32FE39BBDE.pdf

Aree di ricerca
- Studio del sistema antiossidante del protozoo ciliato Tetrahymena thermophila, utilizzato come organismo modello nella ricerca ecotossicologica e biomedica.
- Studio del sistema antiossidante in pesci e molluschi antartici in chiave evolutiva ed ecotossicologica.
- Studio del sistema antiossidante nell'ascidia solitaria Ciona intestinalis in chiave ecotossicologica.
- Studio del sistema antiossidante del moscerino della frutta Drosophila melanogaster, utilizzato come organismo modello nella ricerca biomedica.
- Approcci innovativi alla didattica della biologia nella scuola dell'infanzia, primaria e secondaria di primo grado.

Pubblicazioni
Alcuni lavori pubblicati recentemente su riviste con impact factor
1. Formigari A., Boldrin F., Santovito G., Cassidy-Hanley D., Clark T.G., Piccinni E. (2010) Functional characterization of the 5’-upstream region of MTT5 gene from Tetrahymena thermophila. Protist, 161, 71-77. doi: 10.1016/j.protis.2009.06.002
2. Santovito G., Piccinni E., Boldrin F., Irato P. (2012) Comparative study on metal homeostasis and detoxification in two Antarctic teleosts. Comp. Biochem. Physiol. C, 155, 580-586. doi: 10.1016/j.cbpc.2012.01.008
3. Franchi N., Ferro D., Ballarin L., Santovito G. (2012) Expression of genes involved in glutathione biosynthesis in the solitary tunicate Ciona intestinalis exposed to heavy metals. Aquat. Toxicol., 114-115, 14-22. doi: 10.1016/j.aquatox.2012.02.007
4. Santovito G., Marino S., Sattin G., Cappellini R., Bubacco L., Beltramini M. (2012) Cloning and characterization of cytoplasmic carbonic anhydrase from gills of four Antarctic fish: insights into the evolution of fish carbonic anhydrase and cold adaptation. Polar Biol., 35, 1587-1600. doi: 10.1007/s00300-012-1200-9
5. Ferro D., Franchi N., Mangano V., Bakiu R., Cammarata M., Parrinello N., Santovito G., Ballarin L. (2013) Characterization and metal-induced gene transcription of two new copper zinc superoxide dismutases in the solitary ascidian Ciona intestinalis. Aquat. Toxicol., 140-141, 369-379. doi: 10.1016/j.aquatox.2013.06.020
6. Franchi N., Piccinni E., Ferro D., Basso G., Spolaore B., Santovito G., Ballarin L. (2014) Characterization and transcription studies of a phytochelatin synthase gene from the solitary tunicate Ciona intestinalis exposed to cadmium and in relation to cell proliferation. Aquat. Toxicol., 152C, 47-56. doi: 10.1016/j.aquatox.2014.03.019
7. Ferro D., Bakiu R., De Pittà C., Boldrin F., Cattalini F., Pucciarelli S., Miceli C., Santovito G. (2015) Cu,Zn superoxide dismutases from Tetrahymena thermophila: molecular evolution and gene expression of the first line of antioxidant defenses. Protist, 166, 131-145. doi: 10.1016/j.protis.2014.12.003
8. Santovito G., Boldrin F., Irato P. (2015) Metal and metallothionein distribution in different tissues of the Mediterranean clam Venerupis philippinarum during copper treatment and detoxification. Comp. Biochem. Physiol. C, 174-175, 46-53. doi: 10.1016/j.cbpc.2015.06.008
9. Sattin G., Bakiu R., Tolomeo A.M., Carraro A., Coppola D., Ferro D., Patarnello T., Santovito G. (2015) Characterization and expression of a new cytoplasmic glutathione peroxidase 1 gene in the Antarctic fish Trematomus bernacchii. Hydrobiologia, 761, 363-372. doi: 10.1007/s10750-015-2488-6
10. Tolomeo A.M., Carraro A., Bakiu R., Toppo S., Place S.P., Ferro D., Santovito G. (2016) Peroxiredoxin 6 from the Antarctic emerald rockcod: molecular characterization of its response to warming. J. Comp. Physiol. B, 186, 59-71. doi: 10.1007/s00360-015-0935-3
11. Ferro K., Ferro D., Corrà F., Bakiu R., Santovito G., Kurtz J. (2017) Cu,Zn SOD genes in Tribolium castaneum: evolution, molecular characterisation and gene expression during immune priming. Front. Immunol., 8: 1811. doi: 10.3389/fimmu.2017.01811
12. Ferro D., Franchi N., Bakiu R., Ballarin L., Santovito G. (2018) Molecular characterization and metal induced gene expression of the novel glutathione peroxidase 7 from the chordate invertebrate Ciona robusta. Comp. Biochem. Physiol. C, 205, 1-7. doi: 10.1016/j.cbpc.2017.12.002

Pubblicazioni del docente in PDF: 49CBBD9FAE09D913F33DDE32FE39BBDE.pdf

Insegnamenti dell'AA 2018/19
Corso di studio (?) Curr. Codice Insegnamento CFU Anno Periodo Lingua Responsabile
IN2374 COMUNE INP7078929 9 I Secondo
semestre
ITA GIANFRANCO SANTOVITO
IA1870 COMUNE SUP3050891 9 V Secondo
semestre
ITA LORIANO BALLARIN
SC1179 COMUNE SCP6076599 8 II Primo
semestre
ITA ALESSANDRO ALBORESI
IF0360 COMUNE SCN1031809 8 I Secondo
semestre
ITA GIANFRANCO SANTOVITO