TOIGO FLAVIO

Recapiti
Posta elettronica
Eff6189de274208caa1a8cc70ddb0db5
porta questa
pagina con te
Struttura Dipartimento di Fisica e Astronomia "Galileo Galilei"
Telefono 0498277170
Qualifica Contratto per attivita' di insegnamento, L. 240/10
Settore scientifico 000000000000 - Non assegnato
Rubrica di Ateneo  Visualizza
 

Orario di ricevimento
Mercoledì dalle 10:30 alle 11:30 Dipartimento di Fisica e Astronomia G. Galilei", via F. Marzolo 8, stanza 332 Gli studenti sono benvenuti anche al di fuori dell'orario ufficiale. Generalmente sono in ufficio ( se non sono a lezione).
(aggiornato il 09/07/2013 08:33)

Curriculum Vitae
Breve CV del Prof. Flavio Toigo

Flavio Toigo è nato a Feltre (BL) nel 1944.
Conseguita la Maturità Scientifica nel 1963 presso il Liceo scientifico “G. Galilei” di Belluno, si è laureato in Fisica a Padova nel marzo 1968 ed è diventato Professore Straordinario di Fisica dello Stato Solido presso la Facoltà di Scienze mm. ff. e nn. nel 1987, dopo esser stato Professore Incaricato ed Associato presso la stessa facoltà fin dal 1971. Dal 1971 è sttao titolare di vari corsi d'insegnamento: Fisica per Scienze Biologiche, Elettronica Quantistica, Struttura della Materia per Astronomia, Fisica dello Stato Solido per il corso di laurea in Fisica, Struttura della Materia per la laurea specialistica e poi magistrale in Fisica, Fisica Generale II per il corso di laurea in Fisica, Teoria dei Sistemi a molti Corpi per la laurea magistrale in Fisica.
Ha trascorso vari periodi di studio e ricerca negli USA: quale post-doc e research Associate presso la Michigan State University e quale Visiting Professor presso la University of Virginia, il California Institute of Technology e la Pennsylvania State University. Dal 1986 è stato Adjunct Professor of Physics presso quest'ultima.
Ha ricoperto vari incarichi organizzativi presso l’Università di Padova: come membro della Giunta del Dipartimento di Fisica, come membro e Presidente della Commissione Risorse della facoltà di Scienze mm., ff. e nn. e come membro della Commissione d’Ateneo nella fase di costituzione dei Dipartimenti.
Ha inoltre svolto vari incarichi a livello nazionale all’interno dell’Istituto Nazionale per la Fisica della Materia (INFM), del quale è stato Presidente dal 2001 al 2003.
Nel biennio 2004-2005 è stato membro dell' International Advisory Board del National Nanotechnology Laboratory dell' Università della Scienza e della Tecnica della Cina ad Hefei (Anhui, Cina)
E’ stato coordinatore di numerosi progetti di ricerca nazionali (INFM, CNR, MIUR Fondazione CARIPARO) ed internazionali (NATO Italia-USA, CNR-CAS Italia-Cina) ed ha fatto parte di comitati di valutazione per progetti NATO, UE, MIUR.
E’ referee di varie riviste internazionali.
L’attività di ricerca ha riguardato vari settori della fisica teorica della materia condensata ed in particolare lo studio delle interazioni di gas con superfici, gli effetti delle imperfezioni superficiali sulle proprietà ottiche dei solidi e gli aspetti generali, statistico-termodinamici, che regolano la crescita e la morfologia di film depositati su superfici solide. Negli ultimi anni si occupa delle proprietà quantistiche macroscopiche (superfluidità e superconduttività) di insiemi di atomi a temperature prossime allo zero assoluto.
I risultati della sua attività sono stati presentati in numerose relazioni ad invito in importanti congressi internazionali e sono alla base di circa 150 pubblicazioni sulle più prestigiose riviste internazionali del settore della Fisica della Materia Condensata.

Curriculum del docente in PDF: EFF6189DE274208CAA1A8CC70DDB0DB5.pdf

Aree di ricerca
Attività di Ricerca.

Attività di ricerca teorica in vari campi della Fisica della Materia, principalmente sulle proprietà di trasporto e termodinamiche di sistemi quantistici, usando tecniche della Fisica dei molti corpi e della Meccanica Statistica.

I temi principali, dove ha dato contributi che hanno ottenuto riconoscimenti internazionali, possono riassumersi nei seguenti filoni:

Theory of ultracold Atoms.
E' questo il filone di attività attuale.
Sono state investigati i diagrammi di fase di miscele ultrafredde di bosoni e fermioni, con particolare interesse ai fenomeni di condensazione quantistica di Bose-Einstein e BCS.
Recentemente l'attenzione è stata rivolta alle proprietà di fermioni ultrafreddi nella transizione BCS-BEC ed ad una possibile descrizione delle loro proprietà in termini di funzionali densità.

Linear Response Theory. Properties of the Electron Liquid.
Una serie di lavori sulla risposta dielettrica del liquido di elettroni, pubblicati all’inizio degli anni ’70, sono ancora citati nella letteratura internazionale.

Density Functional Theory and its applications to atoms, small metal clusters and surfaces
E’ questo un filone estremamente attuale, sia per il suo interesse fondamentale che per i risvolti applicativi.

Theory of Wetting
I risultati ottenuti in questo campo hanno permesso la comprensione del comportamento anomalo nell’adsorbimento di gas rari su superfici di metalli alcalini.

Optical properties of rough metal surfaces.
I risultati sullo scattering di luce da superfici rugose hanno aperto un campo d’indagine con notevoli applicazioni tecnologiche

Atom-Surface Scattering. Atom-Surface Interactions
L’attività su questi temi ha permesso la comprensione di vari risultati sperimentali.

Phase Transitions in Spin Models: Renormalization Group and improved Mean field Approximations.
I lavori in questo campo, di notevole importanza metodologica, hanno permesso, tra l’altro, di interpretare il diagramma di fase di miscele di Elio 3 e 4 adsorbite su aerogels.

Dynamical Properties of interfaces. Growth phenomena.
Queste ricerche, che riguardano una classe particolare di fenomeni non-lineari, sono motivate dall’osservazione che la superficie di un cristallo che cresce, ad esempio per solidificazione di un sale fuso, non è piana, ma sviluppa delle rugosità classificabili in maniera precisa. In una serie di lavori, si è mostrato come le equazioni che portano a tali rugosità possano esser dedotte da principi generali che assicurino l’indipendenza del fenomeno dal modo di descriverlo.

Insegnamenti dell'AA 2019/20
Nessun insegnamento o collaborazione in questo Anno Accademico